ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

CATTOLICA LUNGOMARE – RIMINI.

CATTOLICA – RIMINI.

Hotel al mare. Hotel sul lungomare.

Lungomare, Il Porto, La Rocca, La casa di Guglielmo Marconi, Le piazze di Cattolica: De Curtis, Primo Maggio Piazza delle Sirene, Piazza Nettuno, Piazza del Mercato, la Biblioteca ed il Centro Culturale Polivalente. Teatro La Regina, Il Museo della Regina, Acquario di Cattolica, Il Parco della Pace, Le chiese di Cattolica. Chiesa di Sant’Apollinare, Chiesa di San Pio V, Chiesa di S.Antonio.

GRADARA


Il Castello di Gradara, governato all’epoca da diverse signorie come i Della Rovere e i Malatesta, è diventato famoso per l’amore appassionato e la tragedia dei 2 amanti, Paolo e Francesca, che Dante ha descritto nel V canto dell’Inferno. Il Castello di Gradara è conservato molto bene e fa parte dei Borghi più belli d’Italia.

Diverse sono le sagre e le rievocazioni storiche che vengono proposte durante i mesi estivi.

SAN MARINO


San Marino, la più antica Repubblica d’Europa non vive solo di storia. Eventi, sagre, gare e competizioni sportive, musica e teatro fanno parte di una serie di proposte, in grado di far vivere ai suoi visitatori nuove emozioni, nel contesto di una delle più suggestive mete turistiche del mondo.
Vi potrete dedicare allo shopping, alle manifestazioni culturali, passando per la rivisitazione di importanti avvenimenti storici.
Ci sono sempre mille occasioni per visitare San Marino.

SAN LEO


La Rocca o Castello di San Leo sono due fortezze strategicamente determinanti per le vicende storiche e militari.
Vedono il loro splendore grazie alla signoria dei Montefeltro, che ne fecero la sede della dinastia.
In più, il passaggio di San Francesco, Dante e Cagliostro hanno alimentato le atmosfere e le leggende, arricchendole di alchimie magiche e fantastiche.
Dal 1631 la Fortezza venne adattata a carcere nelle cui anguste celle, ricavate dagli originari alloggi militari, furono imprigionati patrioti risorgimentali dei quali il più celebre fu Felice Orsini e liberi pensatori come il palermitano Cagliostro.
Anche dopo l’Unità d’Italia, la fortezza continuò ad assolvere la sua funzione di carcere, fino al 1906. In seguito, per otto anni, ospitò una ‘’compagnia di disciplina’’ fino al 1914.

Oggi, ripulita dalle sovrastrutture ottocentesche e riportata alle eleganti linee rinascimentali, è uno dei più celebrati esempi di arte militare ed ospita nelle sue sale una ragguardevole collezione di armi antiche e moderne.

GROTTE DI ONFERNO


Le Grotte di Onferno, si trovano in una riserva naturale, che sembra essere lontana mille miglia dalla confusione della città.
Rappresentano un complesso carsico di notevole valore la cui esplorazione scientifica completa, effettuata dallo speleologo Quarina, risale al 1916. Un fiumiciattolo sotterraneo ha scavato queste rocce gessose dando luogo a cunicoli, stanze e anfratti.
Quiete, relax e immersione nella natura sono le sue caratteristiche principali.
Il complesso carsico di Onferno è considerato inoltre tra i più importanti d’Italia tra le grotte di gesso. Nell’antica Pieve di Santa Colomba, oggi restaurata, ha sede un museo naturalistico e multimediale, che è un vero e proprio paradiso per i bimbi.

RIMINI


Rimini, è una città storica che vanta un patrimonio monumentale ed artistico di alto livello. Il centro storico testimonia il passato romano della città, così come quello rinascimentale; potrete visitarlo in autonomia, oppure con visita guidata approfittando dell’iniziativa, “Passeggiando nel passato”, organizzata dal Museo della Città.

MONDAINO


Mondaino è una rocca dei Malatesta, i cui presunti fondatori sembrano essere stati gli etruschi.
Il nome del luogo fa riferimento forse ai daini presenti un tempo, in grande quantità, nei boschi della zona.
Nel borgo di Mondaino è possibile visitare la Piazza e la Rocca Malatestiana, in cui si trova anche il Museo Paleontologico; l’incantevole scenografia urbana permette il successo del Palio del Daino, con la rievocazione medievale, che coinvolge ogni agosto l’intero paese.

SAN GIOVANNI IN MARIGNANO


San Giovanni in Marignano, a 3 km da Cattolica,  è un borgo molto accogliente, ricco di tavernette ed osterie; frequenti sagre tradizionali animano il paesino, i suoi pittoreschi vicoli e la grande piazza centrale. Con la Festa delle Streghe a Giugno, è il primo appuntamento dell’estate in Riviera Adriatica. Hotel al mare.

PARCO MONTE SAN BARTOLO


Il Parco Naturale Regionale del Monte San Bartolo segna l’inizio delle colline, dopo i lidi turistici della Riviera romagnola.
L’area protetta presenta aspetti naturali molto suggestivi come la fioritura delle ginestre, che a maggio regala meravigliosi giochi di colori a ridosso del verde-azzurro dell’acqua cristallina della costa. All’interno del Parco, si trovano notevoli testimonianze archeologiche e storiche, diversi mosaici e il piccolo porto turistico della Vallugola, famoso anche per i misteriosi sassi di Valbruna.

SALUDECIO


Saludecio è uno dei castelli meglio conservati del Riminese. Deve il suo nome alla famiglia riminese, di parte guelfa, dei Gridolfi, che qui si stabilì all’epoca degli scontri con i ghibellini. All’interno del borgo, si trova Palazzo Viviani.
Da da non perdere inoltre l’” Ottocento festival”.

CASTELLO DI MONTEBELLO


Azzurina - fantasma di MontebelloNel 1375, Ugolinuccio Malatesta, signore di Montebello,  dovendo andare in battaglia,  affidò la sua bambina Guendalina a due guardie di fiducia. La piccola era nata albina, quindi chiara di pelle, capelli e occhi. Poiché nel Medioevo le donne con i capelli bianchi o rossi, erano ritenute delle streghe, i genitori per proteggere la bambina, le tinsero i capelli e l’isolarono nella fortezza.
Grazie all’effetto azzurrato dei capelli, accompagnato all’azzurro limpido degli occhi, le diedero il soprannome di Azzurrina. Nel giorno di un solstizio d’estate in cui il padre era assente, Azzurrina fu costretta a  giocare all’interno del castello, per il forte temporale.
Scomparve improvvisamente nel nulla mentre fuori dal castello infuriava la tempesta, dopo aver rincorsa la palla con cui stava giocando lungo le scale che conducono alla vecchia ghiacciaia.
Da quel momento in avanti, della figlia di Uguccione Malatesta non si seppe più nulla. Infatti, sempre secondo la leggenda, pochi secondi dopo che le guardie Ruggero e Domenico raggiunsero la ghiacciaia, né del corpo della bambina né della palla con cui stava giocando c’era più traccia. Da quel periodo in poi nacque la leggenda di Azzurrina, arrivata fino ai giorni nostri ed entrata stabilmente nei racconti popolari appartenenti alla storia secolare dei borghi presenti nei dintorni del territorio romagnolo. La leggenda è riuscita a fare le fortune del Castello di Montebello, noto anche con l’appellativo Castello di Azzurrina, tra i principali luoghi di interesse della valle del Marecchia.

URBINO


La città, di origini pre-romane, fu uno dei centri più importanti del Rinascimento italiano, di cui ancora oggi conserva pienamente l’eredità architettonica.
La storia di Urbino è particolarmente legata alla figura di Federico da Montefeltro, Conte e poi Duca di Urbino dal 1444 al 1482. La figura di Federico e la casata di Montefeltro, impressero un cambiamento radicale della città, il cui simbolo principale è chiaramente il Palazzo Ducale.
Anche il centro storico è stato inserito dal 1998 nel patrimonio dell’umanità, protetto dall’UNESCO

Da evidenziare i principali monumenti, quali Il Palazzo Ducale e la Galleria Nazionale delle Marche, la Casa Natale di Raffaello, l’Oratorio di San Giovanni Battista, l’Oratorio di San Giuseppe, il Polo Museale, la Cattedrale di Urbino, il Museo Diocesano Albani, l’Oratorio della Grotta, il Museo della Città.

Hotel sul lungomare di Cattolica. Hotel al mare per famiglie.